Il punto nodale della strategia è la riqualificazione del territorio attraverso la ricerca del Bello e del Buono, caratterizzando il bello del buono e il buono del bello:
• Bello è curare il tessuto urbano, gli elementi paesaggistici e i percorsi sentieristici per renderli più “attraenti”: migliorare ciò che si ha dentro per comunicarlo meglio fuori.
• Buono è valorizzare il vasto paniere dell’enogastronomia, sia attraverso la ristorazione locale sia incentivando e valorizzando le produzioni e la trasformazione dei prodotti tipici.

L’associazione crede nella difesa di un prodotto turistico unico composto da turismo dei sentieri, dei paesaggi, della cultura locale intesa anche come cucina ed egastronomia. Nel breve periodo, anche alla luce delle evidenti difficoltà economiche degli enti locali, ci poniamo l’obiattivo di incrementare la domanda attraverso una maggiore qualità nell’accoglienza e n ell’ospitalità, attraverso il miglioramento dei servizi turistici, dall’innovazione all’informazione alla mobilità interna, senza dimenticare però la cura dell’arredo urbano, dei paesaggi e dei sentieri che lo attraversano.

Send this to friend